Lo studio

Lo studio, con sede a Verolanuova (BS), è composto da varie figure professionali che si occupano, prevalentemente, di progettazione del paesaggio, giardini e spazi esterni, a varie scale, e della direzione dei lavori per la realizzazione dei progetti; oltre a svolgere attività di consulenza tecnico-agronomica, forestale, fitopatologica e botanica per diversi professionisti, quali architetti, ingegneri, geometri e designers, per enti pubblici, imprese, aziende florovivaistiche e di giardinaggio, e per privati.

Tra i principali collaboratori: lo Studio A10 Architettura di Leno (BS), dell'arch. Elena Montani e geom. Flavio Pintossi, gli ingegneri Carlo Vicentini e Sergio Martire dello Studio M&V di Brescia e l'arch. Ruggero Baiguera di Manerbio (BS).

 

   Arch. E. Montani

     Geom. F. Pintossi 

      Ing. C. Vicentini

        Ing. S. Martire

     Arch. R. Baiguera

     Arch. S. Montani


MODUS OPERANDI 

Per Matiteverdi la progettazione di un giardino, come di un qualsiasi spazio esterno, deve essere in piena armonia, o in dolce contrasto, con il paesaggio circostante da una parte e lo stile dell’architettura dell’edificio e del design degli ambienti interni dall’altra; per tale motivo risultano fondamentali la continua ricerca e l’aggiornamento, l’assiduo studio, filosofico, estetico e tecnico, per proporre alla committenza qualcosa di unico, di esclusivo: l’utilizzo di nuove e rare piante come di quelle ormai dimenticate, l’impiego di materiali alternativi, la creazione di spazi reinventati attraverso disegni inusuali o ritrovati nella più antica tradizione, di giardini e ambienti in grado di emozionare il fruitore attraverso i sensi, creare sorpresa e meraviglia, sviluppare la fantasia e stimolare il sogno.

Lo studio pone molta attenzione ai gusti e alle esigenze della committenza, come nella scelta delle specie botaniche, dei materiali e colori, e nel design utilizzati, al fine di realizzare giardini e spazi verdi originali, spesso a bassi input energetici e dalla scarsa manutenzione, nel pieno rispetto delle risorse del territorio circostante, dall’aspetto molto naturale dove necessario, come iper-disegnati quando doveroso.

 

LA PROGETTAZIONE

L'iter progettuale, attraverso la stesura di documenti tecnici, simulazioni e tavole progettuali, si sviluppa principalmente in tre fasi:

  1. - sopralluogo:

attraverso un'attenta analisi dello stato di fatto, a tutti i livelli, e la raccolta dati, è la fase fondamentale per definire il percorso progettuale da intraprendere; serve a "fotografare" e valutare il reale stato iniziale: si sviluppa attraverso un attento studio dei desideri della committenza, dello stile architettonico dell’intorno e delle peculiarità del luogo, anche a livello ambientale, e del paesaggio circostante, valutandone i punti di forza e le criticità;

  1. - progetto preliminare:

si sviluppa in seguito allo studio e alle analisi dei dati raccolti durante il sopralluogo; è in questa fase che prende forma il progetto vero e proprio, si fissano le linee guida, le forme, i volumi, gli spazi ed i punti focali da considerare ed utilizzare durante i disegni per contestualizzare al meglio l'idea progettuale all'interno dell'area d’intervento. A completamento delle tavole e degli schizzi prospettici di presentazione, in questa fase della progettazione, si redige anche un computo estimativo che individua una prima stima dei costi da sostenere per la realizzazione delle opere in modo da definire un budget di spesa.

  1. - progetto definitivo ed esecutivo:

sancito il progetto preliminare insieme alla committenza, si passa a questa fase che va a sviluppare nel dettaglio le linee guida e le scelte progettuali fissate nella fase precedente: si passa alla definizione dei dettagli e dei particolari progettuali, dalla vegetazione agli impianti ai materiali, sviluppando le tavole esecutive che fissano, con estrema precisione, il risultato finale del progetto. La fase esecutiva è infine integrata dal computo metrico estimativo completo e definitivo, che riporta il costo reale di tutte le opere previste, ed il cronoprogramma.

  

LA DIREZIONE DEI LAVORI

Per raggiungere fedelmente il risultato prefissato durante l’iter progettuale, Matiteverdi consiglia che ogni fase della realizzazione delle opere venga seguita direttamente dal progettista che ha “partorito” l’idea, guida di tutto il lavoro, al fine di non deviare dalla linea definita e alterare in qualche modo, spesso in maniera sostanziale, durante le fasi di realizzazione, il progetto originale, non raggiungendo così gli obbiettivi stabiliti inizialmente dal progettista.

 

LE CONSULENZE

Le consulenze offerte dallo studio sono principalmente di quattro tipologie:

1 -  Progettazione del verde: per progettisti (architetti, ingegneri, geometri, designers), giardinieri, enti pubblici, imprese e privati:

a - scelta botanica: cosa piantare, in base alla fascia climatica, tipo di suolo, esposizione, disponibilità di acqua, manutenzione futura, tipologia di spazio, etc.;

b - messa a dimora: come piantare, distribuzione delle piante, densità d'impianto, lavorazioni, correzioni e concimazioni del terreno in preparazione alla messa a dimora, regimazione del'acqua mediante drenaggi,  etc.;

c - scelta dei vivai: dove comprare, in base alla tipologia di pianta, forma e modalità di coltivazione, dimensione, localizzazione del cantiere, etc. 
    
2 -  Fitopatologia: per professionisti, giardinieri, enti pubblici, imprese e privati:

a -  analisi fito-statiche: analisi sulla stabilità degli alberi, secondo il metodo V.T.A. (Visual Tree Assestment), attraverso analisi visive e indagini strumentali (Resistograph, Tomografo Sonico Picus, Martello elettronico ad impulsi);

b - trattamenti endoterapici: trattamenti fitosanitari agli alberi mediante endoterapia;

c - analisi fito-patologiche: studio delle malattie e delle infestazioni da parassiti delle piante e relativi piani di trattamento.

3 - Piani di lotta per il controllo delle talpe: in giardini, parchi, campi sportivi, campi da golf, coltivazioni.

4 - Consulenze tecniche e pratiche varie in campo agronomico-forestale ed ambientale: per professionisti, giardinieri, enti pubblici, imprese e privati:

a - assistenza a imprese e tecnici del settore florovivaistico;

b – pratiche per taglio boschi;

c -  progettazione forestale;

d – V.I.A.: Valutazione di Impatto Ambientale;

e - pratiche per abbattimento alberi sotto vincolo monumentale e/o paesaggistico.